<-- Digit@l Society -->

Dalla rete per la rete

DEMOCRAZIA SPONTANEA DI INTERNET

 
I Commenti:



Internet mostra diversi esempi di spazi dedicati alla difesa di democraticità in Internet.
Sostanzialmente il discorso si ricollega al problema della cyber-alfabetizzazione degli utenti meno esperti ed all'attivismo politico contro la censura. Viene proposta una forma democratica decisamente "radicale", come fa notare Ernesto Laclau nei suoi trattati sulle nuove politiche mondiali nell' era di Internet, che propone la creazione di workgroup spontanei di utenti.
A fianco a questi si collocano invece le organizzazioni universitarie e politiche, come il Center for Democracy and Technology, che si battono per alcuni diritti considerati imprescindibili per la democrazia in Internet:

  • Proteggere la libera espressione dalla censura, promuovendo le possibilità di ogni individuo di reperire e pubblicare informazioni.
  • Sviluppare politiche di gestione e tecnologie necessarie agli individui per tenere sotto controllo le proprie informazioni ed i propri dati.
  • Aumentare la protezione legale dalle intrusioni governative e combattere le politiche di sorveglianza della rete.
  • Proteggere il diritto degli individui ad usare forte crittografia per proteggere le proprie informazioni e comunicazioni elettroniche.
  • Garantire maggior apertura e rappresentatività alle comunità del World Wide Web per il dibattito sulla politica dei nomi dei domini globali.
  • Promuovere i valori democratici ed i diritti umani nel medium globale.
  • Creare nuovi spazi per l'educazione e la partecipazione pubblica.

Caratteristica primaria di queste associazioni on-line è di rendere l'accesso ad Internet sicuro ed agibile, criticando apertamente ogni forma invasiva, come l'hacking e lo spamming.

Le forme più significative ed interessanti di lotta per la democraticità sono raggiunte da associazioni impegnate per la promozione di progetti di coinvolgimento informatico di persone disabili.
L'impegno umanitario di associazioni come l'ASPHI è quello di fornire a disabili di tutti i tipi le conoscenze, competenze ed attrezzature necessarie per inserirsi nel mondo della rete, anche a scopo lavorativo. Per far ciò spesso si ricorre ad apparecchiature ad alto livello tecnologico in grado di compensare glii handicap fisici degli utenti; grazie a sintetizzatori vocali e barre braille anche utenti non-vedenti sono in grado di entrare in un mondo essenzialmente visivo come quello di Internet. Sono inoltre previste creazioni di linee guida per l'organizzazione, l'usabilità e l'accessibilità dei siti web delle pubbliche amministrazioni.

 

Link utili: